Vanity Nerd

si nerdeggia di cose estremamente futili


12 commenti

[u mad bro?] Prodotti per le sopracciglia

Da quando a quindici anni o giù di lì pensai che fosse una buona idea spinzettarmi le sopracciglia fino a far venire un infarto alla mia estetista di allora, non ho più badato granché alla loro salute. Pinzetta certamente, ali di gabbiano fatte dal parrucchiere ove possibile, pettinino per metterle in ordine – ma niente di più. Poi è arrivato Youtube, e le guru – quasi tutte inspiegabilmente prive di sopracciglia – non hanno esitato a far vedere come disegnarle, curarle e via dicendo. Per un bel po’ ho avuto pietà di loro, poi ho capito che anche io coi miei giglioni (termine usato da mia sorella per indicare i sopracciglioni folti) dovevo darmi un contegno, perché nonostante le sopracciglia non mi manchino, la loro texture – per così dire – non è del tutto compatta (insomma, sì, ci sono delle zone da riempire e in più sono diverse come le sorelle Roberts).

Una foto emobimbominkia per mostrarvi, oltre alla mia couperose, le mie belle sopracciglia spettinate che necessitano di un Brow Bar (ovviamente in questa foto non ho usato prodotti sulle sopracciglia)

La prima cosa che ho fatto, quindi, è stata comprare una matita per sopracciglia da Sephora: peccato che la tonalità più scura era adatta a una svedesona più che a una siciliana, così i tentativi di usarla mi hanno scoraggiata facendomi pensare che per me non ci fosse più speranza in questo globo.

Tempo dopo approdai a Essence: problema opposto.

L’unico colore adatto a me era un nero carbone, col risultato che assomigliavo in modo imbarazzante a Frida Kahlo (e non la versione bona di Salma Hayek). Inoltre le poche volte in cui la usavo sbavava provocandomi aloni neri intorno alle tempie: orrore e dannazione.

L'effetto Frida non rende in foto quanto dal vivo. Perdonate l'occhio da pesce lesso e il trucco sbavato.

Per molto tempo, quindi, ho abbandonato l’idea di riempirle e me ne sono ampiamente fregata vivendo gioiosa e felice anche con le mie sopracciglia spettinate, finché non ho fatto un ordine Elf che includeva un (per alcune famoso) Eyebrow Kit, composto da una cera (paraffina pura, diciamolo) leggermente scura e da una polvere più chiara (che si fissa sopra la suddetta cera).

E.l.f. Eyebrow Kit, tonalità Dark. 4€

Alleluia, eureka, finalmente! Il colore è perfetto per le mie sopracciglia, che sono sì scure, ma che vanno riempite con una tonalità leggermente più chiara proprio per evitare l’effetto Frida. Altro lato positivo è il fatto che grazie alla cera il prodotto in polvere non voli via e non sbavi, fissandosi per bene e dando un effetto omogeneo che rende il viso più ordinato e armonioso.

Orrore! A destra (la vostra destra) ho usato il kit, a sinistra no. So che non si capisce un tubo ma autoscattarsi le sopracciglia non è facile.

Ma non mi sono fermata qui, e da Coin ho trovato la matita per sopracciglia di Catrice. L’ho comprata pensando di regalarla alla cara maTre, poi l’ho provata giusto per scrupolo, e infine me la sono egoisticamente tenuta: un altro colore perfetto con in più la praticità di un solo prodotto, più veloce da stendere del (per alcune famoso) Eyebrow Kit.

Matita Catrice

Ovviamente tutti questi bei prodotti non servono a niente senza una mano esperta che riesca a domare i miei giglioni, al momento in stato pietoso andante. Però per mettere una pezza in vista di un brow bar non sono male, e male che vada opterò per un look alla Miccoli.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.739 follower